Donne di potere che tolgono potere alle donne

“E’ assurdo come nella mia vita io possa associare tantissime persone di potere a pessimi giudizi. Non fraintendetemi, non parlo di un giudizio avventato e generalista basato sull’invidia. Parlo di quanto ci si aspetti correttezza e morale e soprattutto equilibrio da qualcuno che risulta essere particolarmente rilevante nell’ambiente in cui ci muoviamo.

Insomma non vorrete farmi credere che vi aspettaste che Elisabetta Franchi, famosa per essere un’imprenditrice DONNA che ce l’ha fatta, fosse devota ad una politica aziendale discutibile.”

La moda ha diritto di esistere?

Sono sempre stata contro la teoria che l’artista debba necessariamente giustificare la propria arte e renderla schiava dell’opinione pubblica. Ma mi sono arresa al fatto che la moda non possa più esimersi dal prendere delle responsabilità sociali: l’opinione pubblica pretende fermamente che la moda sia immersa nella società ma al contempo se le collezioni mancano di contesto sembra non accorgersene.

MFW.fw22: cosa ho visto

E’ l’ultimo giorno di Febbraio, sono appena tornata a casa dopo tre giorni a Milano per la Fashion Week dedicata alle collezioni donna Autunno Inverno 22/23. Ho tantissime cose da raccontarvi e lo farò in vari articoli. In questo primo resoconto voglio raccontarvi il contesto e soprattutto le cose che ho visto personalmente: presentazioni, sfilate, happening, cocktails.

Moda e Letteratura: il caso Etro. pt2

Eccoci finalmente con il secondo appuntamento dedicato a “Moda e Letteratura: il caso Etro”. In questa seconda parte parleremo della collezione nei singoli capi e nello stile generale, per analizzarla e per capire ancora più a fondo le connessioni che Etro e Adelphi hanno voluto sottolineare.A questo proposito vi introduco subito le ospiti di questo articolo: Rebecca Restante e Giusy Ronchi hanno partecipato all’articolo creando due paragrafi dedicati proprio a due titoli della Piccola Biblioteca Adelphi che mostrano diverse correlazioni con la collezione di Kean Etro.

Resoconto bipolare di Paris Haute Couture. ss22

Questa volta più di altre sono sconcertata dall’incredibile dislivello che si è creato da una maison all’altra che ha evidenziato le incredibili incapacità di alcuni di questi personaggi della moda di proporre ad oggi delle collezioni che abbiano un senso. Non parlo di gusto personale ma di significato, un elemento che in un arte comunicativa ma mutevole come la moda non può mancare. Soprattutto nella Haute Couture.

2022: come inizia per la moda

In questa news vi spiegherò come sta iniziando questo anno per la moda e cosa possiamo aspettarci per i mesi di gennaio e febbraio. Gli eventi ci saranno? saranno digital o fisici? Per ora posso darvi delle notizie certe ma vi avviso che potrebbero cambiare da un momento all’altro.

Il divorzio tra Lee e Bottega

Un comunicato ufficiale ha annunciato che “di comune accordo” brand e DC hanno deciso di interrompere la collaborazione e una serie di post e dichiarazioni si sono susseguiti nelle ore successive con ringraziamenti reciproci. Ovviamente tutto pacifico e tutto discreto che quasi quasi crediamo più a Alex Belli al gf che a loro.

Conclusioni criticamente sconnesse sulle collezioni ss22

Siamo alla fine del fashion month e la scorpacciata di collezioni che abbiamo fatto ha lasciato dietro di sé qualche ispirazione, entusiasmo ma anche delusione e riflessioni che la moda necessariamente fa nascere dentro le menti di chi la indaga. Sono sempre stata dell’opinione che l’arte non deve necessariamente farsi carico delle cause sociali eContinua a leggere “Conclusioni criticamente sconnesse sulle collezioni ss22”

PFW.ss22

Lo so, vi ho fatto attendere parecchio per questo articolo o per avere qualche news sulla Paris Fashion Week. A mia discolpa posso dire di aver lavorato come una pazza a praticamente 5/6 cose diverse tra cui questo blogghetto che spero crescerà sempre di più. Fatta la mia giustificazione alquanto precaria (ahahahha) vorrei passare direttamenteContinua a leggere “PFW.ss22”